L’ipotesi di CCNL 2019-2021sui principali aspetti del trattamento economico del personale del comparto Istruzione e Ricerca, sottoscritta lo scorso 11 novembre dopo l'accordo politico siglato il giorno precedente tra il ministro Valditara e i sindacati rappresentativi, prevede l'anticipo del 95% delle risorse disponibili: 2,21 miliardi per gli aumenti contrattuali e gli arretrati 89 milioni per la retribuzione professionale dei docenti 100 milioni una tantum stanziati dal nuovo governo destinati alla componente fissa della retribuzione accessoria per l’anno 2022. In allegato le schede di sintesi con le tabelle relative agli aumenti previsti per docenti e personale ATA.

Ipotesi di contratto

Se vuoi essere informato su tutte le novità, ed oltre, del mondo della scuola, in tempo reale, iscriviti alla nostra newsletter