La Gilda non ha sottoscritto il protocollo che consentirà al governo di disporre gli esami di maturità in presenza perché riteniamo che il protocollo non fornisca adeguate garanzie di prevenzione del contagio da Covid-19. Cgil, Cisl, Uil, Snals e Anief lo hanno firmato. Nei prossimi giorni scriveremo una lettera al Presidente della Regione evidenziando le criticità di questa misura inutilmente dannosa, che espone tutti, senza un ragionevole motivo, al rischio di un’impennata nei contagi anche a causa del pendolarismo di presidenti e commissari d’esame. E’ probabile, infatti, che dal 14 giugno prossimo le decisioni sulla chiusura delle scuole saranno demandate alle regioni. Vi terremo informati sugli sviluppi. A breve indiremo un’assemblea via web dedicata agli iscritti e faremo il punto della situazione.