La Gilda degli Insegnanti, attraverso lo studio legale Bonetti, ha presentato al ministero dell’Istruzione una richiesta di accesso gli atti per conoscere il software, e dunque l’algoritmo, che ha gestito la procedura informatizzata delle nomine da Gps e che sta generando gravi criticità e numerosi contenziosi. “Gli errori commessi dall’algoritmo nell’assegnazione delle supplenze - afferma Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti - ledono diritti di graduatoria, facendo sì che in molti casi chi ha punteggi più elevati finisca per prendere supplenze e sedi più disagiate. Inoltre, la procedura vìola il diritto al completamento di cattedra che, a quanto pare, non è contemplato nell’algoritmo”. “Nonostante le continue e numerose richieste di tavoli per esaminare le criticità, già evidenziate negli anni precedenti, il ministero, dopo aver promesso disponibilità, ha opposto un muro di silenzio”. “Appena ci verrà consegnato l’algoritmo, - conclude Di Meglio - procederemo alla sua analisi per identificarne i difetti”.

Visita il sito

Se vuoi essere informato su tutte le novità, ed oltre, del mondo della scuola, in tempo reale, iscriviti alla nostra newsletter