Stampa

Anche in questo numero, i lettori troveranno un allegato monotematico. Dopo l’ alternanza scuola-lavoro, questa volta tocca ad un tema “sensibile”- nel senso letterale che tocca le corde della sensibilità- legato alla storia della Gilda: il suo trentennale dalla nascita come Associazione professionale. Trent’ anni sono molti, soprattutto per un’ esperienza nuova nel panorama sindacale a cui in molti avevano profetizzato vita breve. Lungi da noi l’ idea di una celebrazione, spesso mortifera, abbiamo pensato , invece, noi della redazione di Professione docente, di ripresentare ai lettori i punti salienti di quella visione della scuola che fu alla base della nascita della Gilda. Ci siamo chiesti se quei valori e quei principi reggano ancora nel mondo così mutato, se siano anacronistici o se siano ancora da confermare e da difendere. I principi sono quelle elencati nella presentazione dell’ allegato da Rino Di Meglio, Coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti : contratto specifico per i docenti contro la impiegatizzazione; formazione e reclutamento di qualità dei docenti; l’ insegnante trasmette contenuti e non “competenze”; tutela della libertà d’ insegnamento, sancita dalla Costituzione, perché la scuola ha una funzione istituzionale. Secondo le nostre analisi, tutti questi principi sono ancora validi e sarebbero da difendere strenuamente da tutti i docenti. Su questo, apriamo un confronto e attendiamo i pareri dei lettori. Nelle sedi della gilda è disponibile un volumetto ricco di materiale testuale e iconografico su questa ricorrenza.

Leggi tutto

Categoria: Riviste
Visite: 467